Zamość Śródmieście – visite turistiche – Parco cittadino

Iniziamo il nostro tour della città dal City Park, dove nel cosiddetto. Il box ospita un modellino della città, poi vediamo la Vecchia Porta di Lublino e visitiamo la città vecchia. il centro della corte e della vita intellettuale lungo ul. Accademico, quindi la costruzione di d. Accademia ed edifici associati, complesso edilizio d. Residenze Zamoyski, finalmente l'arsenale, Porta di Szczebrzeska, chiesa collegiata e edifici del capitolo. parco cittadino, stabilito nell'area post-fortificata di 1. 1922—27 secondo il progetto di concorso di Walerian Kronenberg, è un buon esempio dell'adattamento delle reliquie della fortificazione per la ricreazione urbana. parcheggiare la polvere. 11,2 ha ha un contorno complesso come se z 2 triangoli, risultante dalla combinazione delle forme originali rivellino e elefantiane, opere di fortificazione in terra dell'inizio del XIX secolo, parzialmente demolito dopo la liquidazione della rocca in 1866. Il parco comprende anche quelli adiacenti a sud., i bastioni di terra della cortina e il bastione nord-ovest, chiaramente leggibili nel campo. n° IV, con 3 canali sotterranei a volta ben conservati, e il cosiddetto. box. L'area riccamente scolpita, grazie ai fossati e alle fortificazioni, si aggiunge al pittoresco paesaggio del Parco Zamość. W zach. parte include un grande stagno, essendo i resti di un ampio fossato attorno all'elefante marino (quindi l'isola ha la forma di una V . rovesciata), alimentato dalle acque di Łabuńka. sullo stagno, ci sono due foche in una piscina separata, costituendo una grande attrazione per bambini e adolescenti, e anatre e cigni.

Il box è un oggetto dell'architettura della fortezza, un tempo usato per difendere il fossato. È stato costruito nel 1836 nell'incavo del fossato, sul canale dell'acqua; un ponte che portava al rivellino vi passava sopra. È l'unico sopravvissuto del 5 questo tipo di penne costruite a Zamość allo stesso tempo. Ha la forma di un pentagono irregolare; l'interno è coperto da un'enorme volta a botte con lunette. L'architettura esterna in mattoni e pietra si riferisce all'architettura della fortezza di Zamość dei tempi di Gen. Malletskiego-

Il modello della città di Kojec ci introduce ai problemi generali dell'urbanistica e dell'architettura di una città progettata come ideale.

Di notevoli dimensioni (6 m di diametro) il modello è stato realizzato in gesso policromo in scala 1:165 w 1947 dagli architetti Zamość Tadeusz Zaremba e Adam Klimek e dallo scultore Eugeniusz Baranowski prof. Scuola Secondaria Statale di Belle Arti di Zamość. Mostra la città con fortificazioni nel periodo di maggior sviluppo architettonico nei secoli XVII - XVIII. Nonostante alcune imprecisioni, il plastico rende bene l'idea della composizione urbanistica della roccaforte del cancelliere.

Zamosc, città fortezza fondata nel 1580 di Jan Zamoyski, il Gran Cancelliere della Corona, era situato su una collina piatta sopra la valle degli stagni di Łabuńka e Topornica, davanti ai saltatori, dove il fondatore è nato in un piccolo castello di famiglia. Zamość era destinato alla capitale dell'ordinazione, cioè "Stato di Zamość" *, finalizzato alla creazione e al mantenimento del culto della famiglia Zamoyski-Jelitczyk mediante materiale che assicuri la posizione politica e sociale della famiglia nella Repubblica di Polonia. La città era multifunzionale: ospitava la residenza dell'ordinata - ,, capo di stato ”era una fortezza difensiva con fortificazioni moderne, un centro di educazione e scienza (Accademia e tipografia), vita religiosa (collegiale) e magistratura (tribunale per le città di ordinazione), un importante centro di artigianato e scambio di merci incentrato su 3 mercati.

La città era piccola - all'interno delle fortificazioni, insieme alla residenza, occupava ca. 24 ah, era solo di circa. 600 m di lunghezza e circa. 400 m di larghezza; è stato calcolato per circa. 3 mille. residenti. Zamość era una città completa, si può dire, ideale nella sua struttura spaziale e organizzativa. Il suo layout, progettato dall'ingegnere e architetto italiano Bernard Morand di Padova o Venezia, si riferiva al pensiero urbano tardo rinascimentale italiano, soprattutto ai disegni di Pietro Cataneo della metà del XVI secolo. e divenne una delle produzioni più importanti di questo tipo nell'arte europea.

1 of 2